lunedì 25 febbraio 2013

Anticipazioni sui risultati dei conclavi regionali


In attesa dei risultati definitivi del conclave in svolgimento, che eleggerà il successore dell'interregnante cardinale Del Monte, ex nunzio apostolico a Bruxelles, ormai fuori dalla contesa per manifesta demenza senile precoce, la nota agenzia vaticanista Youtrend ha diffuso interessanti anticipazioni sui conclavi regionali, fondamentali per attribuire i seggi alla Camera Alta Apostolica. In estrema sintesi :

Lombardia +2,5 per l’inaffondabile cardinale di Monza e Brianza
Sicilia +3 per il cardinale di Monza e Brianza
Veneto +4 per il cardinale di Monza e Brianza
Campania +1 per il bonario cardinale di Piacenza
Puglia parità tra il cardinale di Piacenza e quello di Monza e Brianza

N.B. Queste stime sono state elaborate da un istituto ecclesiastico vicino al cardinale di Monza e BrianzaPer il dettaglio vedi qui.

domenica 24 febbraio 2013

Manche du Senat: Ipson de la Boccon rischia. Grand Prix de la Lombardie a Burlesque


Dalla nostra agenzia ippica di fiducia, Notapolitica.it

Ippodromo Homme de la Guêpe: 
Terzo è il sorprendente cinque volte stellato Igor Brick che ritocca il suo record stagionale e ferma il cronometro a 20,7''. Ipson de la Boccon non se la passa benissimo ma riesce comunque a portare a casa un dignitoso 11,3" e ad accedere al riparto dei sacchi di biada.

Ippodromo S. Walter: 
il cinque volte stellato Igor Brick porta a casa un ottimo 19,7'' mentre rischia di rimanere lontano dai sacchi di biada Ipson de La Bocconche, con soli 10'', è a rischio qualificazione

Gran Prix de la Lombardie, Manche du Senat:
Una corsa combattuta fino all'ultimo secondo e finita con un fotofinish contestatissimo. Alla fine i giudici assegnano la vittoria a Maison Liberté che così si porta a casa la maggioranza  dei sacchi di biada in palio.

Voilà, è arrivato il grande giorno !

Voilà, è arrivato il grande giorno ! Finalmente è partito il Gran Prix d'Italie, sponsorizzato dalla Fondazione Minchialberg Sachs e dalla federazione ippica europea, ed adesso non resta altro da fare che attendere i risultati ufficiali previsti per lunedì sera.
Proviamo intanto a fare il punto, secondo i risultati delle ultime e più attendibili corse clandestine. Questa la situazione che si configurerebbe per le varie scuderie alla Manche du Senat:
  • Bien Commun nel complesso otterrebbe tra i 142 e 150 sacchi di biada e il suo principale destriero Fan Idol cavalcato dal fantino Pier le Smacchiateur non andrebbe oltre i 130 sacchi
  • Ipson de Boccon è in grave crisi, dovuta soprattutto a problemi di disturbo della personalità del suo fantino manifestatisi negli ultimi giorni. Le ultime stime danno nel complesso la sua scuderia tra i 20 e i 28 sacchi, ma in caduta libera.
  • In grande spolvero appare il purosangue cinque volte stellato Igor Brick, che sicuramente supererà i 40 sacchi, ma potrebbe anche avvicinarsi e oltrepassare la quota 50.
  • Quanto alla scuderia Maison Liberté, il capofila Varenne, nonostante i problemi agli occhi e il perdurare di alcuni scompensi sessuali del suo fantino Burlesque tiene abbondantemente i 20 secondi e la scuderia nel complesso dovrebbe attestarsi ai 30 senza problemi. I sacchi di biada ottenuti per la Scuderia sarebbero leggermente sotto i 90.
  • Il guatemalteco Galopin de Zacapa non otterrebbe nessun sacco né alla Manche du Senat né alla Manche de la Chambre. Prestazione ancor più disastrosa ed idem nessuna pur minima speranza di sacchi per Non aux Declin, la cui scuderia è stata letteralmente travolta dallo scandalo di doping in cui è caduto il fantino Petit Jean. 

sabato 23 febbraio 2013

Anticipazioni sulla corsa di domenica


Domani i nostri grandi campioni si confronteranno in una gara all'ultimo trotto per il Grand Prix d'Italie. La posta in palio è alta: al primo classificato la Fondazione Minchialberg Sachs e la Federazione Europea di Sport Equestri assegneranno un kit completo da spalatore di sterco di cavallo. Anticipazioni sullo stato di salute delle scuderie vengono dai risultati dell'ultima gara clandestina svoltasi all'ippodromo S. Nicola, prima della prova ufficiale di domenica (domani), diffusi ieri sera dalla nostra agenzia ippica di fiducia, Nota politica, che ci pregiamo di condividere con i nostri venticinque (manzoniani) lettori:

MANCHE DU SENAT :
Varenne 22,5" (71)
Groom de Bootz 4.5" (18)
Freres Tricolor 1" (-)
Hirosaka 1" (-)
Altri Maison Liberté 1" (-)
TOTALE Maison Liberté 30" (89)

Fan Idole 33" (141)
Gebrazac 3" (7)
Central Democratique 1" (-)
TOTALE Bien Comun 37" (148)

Ipson de Boccon 10" (22)

Igor Brick 17.5" (42)

Galopin du Zacapa 3.5" (-)

Non Aux Declin 1" (-)

Altre scuderie 1" (-)

giovedì 21 febbraio 2013

Perle giornalistiche, ancora ...

La pagina principale di Rotoloni Regina/Repubblica.it oggi rimanda ad un accostamento tra Grillo e neofascisti. Grillo ha manifestato con i suoi davanti al Parlamento con lo slogan "Arrendetevi, siete circondati!". La redazione ha brillantemente ripescato foto del '93 con i "neofascisti del MSI" che impiegavano lo stesso slogan. Ergo, spaliamo un po' di merda su Grillo a ridosso delle elezioni per cercare, usando come pretesto l'antifascismo, di convincere qualche indeciso a ritornare all'ovile del centrosinistra.
Sarebbe curioso far notare che quei "neofascisti del MSI" erano stati spediti a manifestare davanti Montecitorio dal segretario di quel partito, Gianfranco Fini, il quale adesso è in lizza con Monti, e probabilmente si troverà al governo con Bersani (se accadrà, come temo e come i sondaggi confermerebbero, il peggio). Chissà se quegli stessi militanti "neofascisti" di allora, invecchiati e disillusi, domenica voteranno per lui o per Grillo o per il PD ... Il fatto che Bertinotti sia stato al governo con Mastella, e che Monti governerà con Vendola, dimostra che in politica tutto è possibile !

Bleah, al giornalismo spazzatura non c'è mai fine ...

sabato 16 febbraio 2013

Devo smetterla di leggere Repubblica.it

Devo smettere di leggere Repubblica on line, anche se è una fonte inesauribile di ispirazione (come una purga per uno stitico). Stamattina ci sono capitato per vedere che dicevano sull'asteroide e farmi due risate, scorrendo mi sono imbattuto in questo articolo:

"Voto al centrosinistra o si rischia il caos" 
Appello degli intellettuali per "governo stabile"
Da Zagrebelsky ad Asor Rosa, da Eco a Rodotà, da Camilleri a Magris. Chiedono ai cittadini di evitare il ritorno al potere di uomini che hanno già portato l'Italia "verso la catastrofe".

Posso capire che un rotolo di carta igienica che crede di essere un giornale serio possa definire "intellettuali" tale gente (per me gli intellettuali sono una razza che in questo Paese si è estinta con Croce, Gobetti e Gramsci, dal dopoguerra in poi si può parlare per lo più solo di voltagabbana e leccaculo, con qualche notevole eccezione nel campo dei miei studi come De Felice, Venturi e pochi altri isolati e emarginati dalla Chiesa-Partito egemone). Ovviamente non ho seguito il link. Mi basta e avanza la brillante preview, in cui si elencano i nomi di quattro o cinque vecchi cialtroni, la cui "razza" ha contribuito non poco alla catastrofe (almeno intellettuale e morale) di questo Paese. Chi pensano di essere poi per appellarsi ai cittadini? Bah, robe dell'altro mondo ... Per fortuna hanno già una certa età e sono una razza in via di estinzione (non che chi li sostituirà sarà meglio di loro...)

venerdì 15 febbraio 2013

Antiberlusconismo da pennivendoli, ancora ?

Parlare ancora, al giorno e coi problemi d'oggi, di antiberlusconismo fa più ridere di quando, in tempi economicamente più prosperi, il Cavaliere stesso agitava in tv lo spettro del pericolo comunista o di guerre civili simil-ex-Jugoslavia in Italia (almeno lui ha smesso, preferendo andare a farsi fottere (letteralmente)!). Cadono le braccia a rendersi conto di quanto i vari guru dell'intellettuallità (cosiddetta) di sinistra (cosiddetta) dimostrino di essere profondamente ignoranti dei veri problemi del Paese. Verrebbe da chiedersi se si tratti di una ignoranza inconsapevole o interessata. Leggo ancora una volta su Left (cfr. qui), tra il disgusto e la voglia di mettersi a ridere, i numeri da circo giornalistico di uno speculatore retorico e morale di cui già questo blog si è occupato. Dispiace vedere quanto sia caduto in basso il settimanale erede di Avvenimenti, di cui lo scrivente ricorda con tenerezza di essere stato un lettore assiduo quando era un ingenuo studente liceale, una vita fa. Ancora una volta l'immensa tragedia della Shoah è evocata a fini politici-strumentali, per prendersela contro la nuova uscita del Cav su Mussolini che avrebbe fatto anche "cose buone"... Da una lettura delle opere dell'articolista in questione, che è un noto storico, si evincerebbe che anche l'Inquisizione avrebbe fatto cose buone e che la sua azione sarebbe stata "modernizzatrice" per l'Italia (queste originali teorie gli hanno pure garantito un certo successo editoriale, pubblicando con una casa editrice del gruppo Mondadori). Ma non divaghiamo...

mercoledì 13 febbraio 2013

La fragilità degli intransigenti


Ho intravisto/intrasentito commentatori in tv ripetere che le dimissioni di Benedetto XVI non sono un atto di debolezza, bensì di coraggio e forza. Il solito blablabla retorico su cui non vale la pena di soffermarsi. Esse sono in realtà un atto di debolezza umano, molto umano, e in quanto tali mi hanno colpito e mi stimolano questo post. Ratzinger è sempre stato un teologo rigido e pieno di certezze. Il suo ruolo d'altronde è stato a lungo quello di prefetto della Congregazione dell'ex Sant'Uffizio, garante della certezza e della rettitudine della fede. Il personaggio è stato spesso preso di mira dai laici intransigenti moralisti (anche se spesso in privato legati anche ad ambienti ecclesiastici, quel che non ammazza ingrassa e in Italia, si sa, la mamma dei furbi, ipocriti ed incoerenti è sempre incinta) come una delle cause dell'arretratezza della Chiesa, e, di conseguenza, di tanti problemi italiani attuali.

giovedì 7 febbraio 2013

La ministra scopiazzatrice

In Italia le ministre scopano, in Germania scopiazzano... Sono capitato per caso su un articolo che, pur pubblicato sul sito di un quotidiano che definire carta igienica sarebbe un complimento, mi offre uno spunto interessante. La ministra dell'Istruzione della Germania che copia la tesi di dottorato, discussa nel lontano 1980, e l'università di Dusseldorf che le revoca il titolo. Non è il primo caso in quel serissimo Paese. Nel 2011 era toccato al ministro della Difesa. La cosa, per ovvi motivi, è gravina... Perché non si dimette ? La ministra ha annunciato ricorso tramite il suo avvocato, difficilmente però il ricorso avrà successo perché le prove sono palesi e un'organizzazione accademica non si espone così tanto per nulla. Il ministro della Difesa scopiazzatore si era dimesso per lo scandalo.

domenica 3 febbraio 2013

Velimir Chlébnikov



Ancora una volta, ancora una volta 
io per voi 
sono stella. 
Guai al marinaio che ha preso 
un angolo falso della sua barca e della sua stella:
si sfascerà sugli scogli, 
sui banchi di sabbia subàcquei. 
Guai anche a voi che avete preso 
un angolo falso del cuore verso di me: 
vi sfascerete sugli scogli 
e gli scogli rideranno 
di voi, 
come voi avete riso 
di me.

(Trad. di  A. M. Ripellino)

venerdì 1 febbraio 2013

Minchioni dei Paschi

MPS dovrebbe semplicemente chiudere i battenti. La banca è stata gestita da un management incapace e corrotto, che l'ha portata alla rovina. Dovrebbe portare i libri in tribunale e partita chiusa. Dura lex sed lex. Dispiacerebbe per i lavoratori, certo, che usufruirebbero della cassa integrazione come tante altre vittime della crisi. I conti dei correntisti fino a una certa cifra sono comunque tutelati dallo Stato.